Crosta del pane: da cosa dipende il suo colore?

Dorata o marroncina, da cosa dipende il colore della crosta del pane?

Chi di noi non si è lasciato tentare dall’aroma incredibile del pane appena sfornato?

La crosta, poi, è l’elemento che forse più di altri ci attira.

Attenzione al suo colore, però!

  • Una cottura troppo prolungata o scorretta,
  • una ricetta che privilegia alcuni ingredienti piuttosto che altri,
  • tempi di lievitazione molto lunghi,

possono favorire la formazione di un composto noto come “acrilammide”.

Durante la cottura il pane aumenta di volume, la crosta si forma e si colora, si forma la mollica e si liberano una serie di sostanze volatili che sono responsabili dell’aroma e del sapore del pane.

La variazione di colore è dovuta

  • alla formazione di destrine (che derivano dalla trasformazione dell’amido presente nell’impasto) e
  • alla reazione di Maillard.

Quando zuccheri e aminoacidi naturalmente presenti nei cibi amidacei vengono portati alla temperatura di cottura, si combinano, formano acrilammide e portano al caratteristico imbrunimento.

Lo IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato l’acrilammide tra i “probabili cancerogeni per l’uomo”.

Il web è fin troppo pieno di allarmismi inutili e questo post non è stato scritto con lo scopo di fare leva sulla paura delle persone non addette ai lavori.

Piuttosto questo articolo è stato scritto con una finalità divulgativa, per spiegare anche a chi non è un tecnico cosa accade durante la cottura del pane.

Tornando all’acrilammide, probabile cancerogeno, è bene precisare che l’importante è sapere

  • cos’è,
  • come prevenire la sua formazione e
  • capire se e quando è davvero il caso di “preoccuparsi”, quando cioè i livelli di esposizione alla sostanza mettono effettivamente a rischio la persona che consuma gli alimenti coinvolti.

L’acrilammide, infatti, non riguarda solo il pane ma anche anche altri alimenti di uso comune come i prodotti da forno fini, le patate fritte e cotte al forno, il caffè.

L’EFSA (l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare) invita a limitare il consumo di alimenti che contengono acrilammide, spiegando in un’infografica che cos’è, come si forma e come ridurla negli alimenti.

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare, EFSA ha pubblicato il 4 giugno 2015 un proprio parere scientifico sull’acrilammide negli alimenti con l’utilizzo di nuovi dati sui tenori di acrilammide negli alimenti e di dati più recenti sui consumi di alimenti.

In buona sostanza, come spesso accade, il buon senso è alla base della strategia per difendersi dalla “minaccia” dell’acrilammide.

  • Una dieta bilanciata,
  • la scelta di un pane con crosta dorata e non marroncina e
  • un consumo moderato (come da linee guida, vedi sul sito del CREA)

sono gli “ingredienti magici” per tenere sotto controllo il rischio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *